Provincia di Ascoli Piceno

Ora è più facile trasferire i mutui

Provincia di Ascoli Piceno
Provincia di Ascoli Piceno
Home Programmazione Economica
Home Page » Home Programmazione Economica » lettura PE Notizie e Comunicati
Icona freccia bianca
Ora è più facile trasferire i mutui
28-09-2012

Accordo tra le banche e i notai: nasce una piattaforma elettronica per rendere più semplice e veloce la portabilità di un prestito sulla casa. Calano i costi per gli istituti e (forse) aumenta la concorrenza.
Benzina per la concorrenza allo sportello: diventa più facile trasferire i mutui. Grazie a un accordo tra le banche e i notai, infatti, nasce una superpiattaforma elettronica che dovrebbe consentire la portabilità, da un istituto di credito a un altro, di un prestito per la casa in maniera più semplice e veloce. Obiettivo è mettere il turbo all'attuale procedura di «surroga» (ritenuta troppo complessa dagli addetti ai lavori), assicurando meno adempimenti a carico delle banche e dei notai. Per istituti e professionisti l'intera operazione dovrebbe avere diversi vantaggi, in particolare sul versante dei costi. Mentre per quanto riguarda i clienti, i benefici dovrebbero essere tastati sul terreno della concorrenza, vale a dire con tassi di interesse più bassi e, quindi, rate finali più contenute. Per imprese e famiglie non sono previsti costi. Il progetto, battezzato «MutuiConnect», secondo quanto risulta a Libero, è ormai alle fasi finali ed è stato curato dal Consorzio Cbi (un organismo che gestisce le infrastrutture di pagamento delle banche ) insieme con il Consiglio nazionale
del notariato. La firma, da parte dei rappresentanti di banchieri e notai, arriverà a stretto giro. E dovrebbe dare un impulso di rilievo alla «portabilità dei mutui. Nel dettaglio, il nuovo cervellone informatico metterà in diretta comunicazione le banche che aderiranno all'iniziativa con la rete dei notai («Run»), aprendo le porte alla «portabilità telematica dei mutui» spiega un tecnico che ha
urato l'iniziativa. Funzionerà così: quando un cliente trova condizioni più vantaggiose per il suo prestito ipotecario, si rivolgerà alla nuova banca che gestirà l'intera procedura di surroga attraverso un computer e con pochi clic sul mouse, «mettendo in comunicazione il vecchio istituto e il notaio incaricato di gestire gli aspetti legali e le formalità documentali» relative al necessario atto giuridico. Il tutto grazie ad applicativi web e con l'utilizzo della firma digitale. Il sistema consentirà, tra altro, di concordare gli appuntamenti tra i soggetti coinvolti e, stabilita la data finale del «trasloco», indicherà pure l'importo esatto del debito residuo da estinguere con la vecchia banca. Completamente elettronica anche la gestione delle ipoteche a garanzia dei finanziamenti. Il progetto prende il largo adesso, ma le prime valutazioni sono partite un paio di anni fa con la
firma di un protocollo di intesa base. Il là finale è arrivato a giugno, con l'ok dell'agenzia del Territorio e del ministero della Giustizia alla presentazione telematica dell'atto notarile di surroga. Difficile fare previsioni sugli effetti concreti per il mercato dei mutui e, in particolare, sugli eventuali abbattimenti dei tassi per i clienti. Di sicuro, in una fase di forte irrigidimento del credito, l'operazione potrebbe servire, tra altro, a smuovere il mercato e la (poca) liquidità in circolazione. Molto dipenderà da quanti istituti entreranno nel circuito elettronico, visto che la legge e le disposizioni Antitrust vietano accordi e intese vincolanti, perché potenzialmente restrittive della competizione fra operatori di un medesimo settore.

Fonte: Libero - Ed. Nazionale 19/09/2012
 

Condividi questo contenuto

Il portale della Provincia di Ascoli Piceno è un progetto realizzato da ISWEB S.p.A. con la soluzione ePORTAL

Note legali - Privacy - Responsabile del procedimento di Pubblicazione

- Inizio della pagina -
Il progetto Provincia di Ascoli Piceno è sviluppato con il CMS ISWEB® di Internet Soluzioni Srl www.internetsoluzioni.it